Samedi 20 Juillet
10:39

Sant'Andria in iscola !


         U 30 di nuvembri, l'usu corsu hè di fà u giru di u paesi pà raccoglia u più robba pussibuli. Si pichjà à a porta è si dici una pricantula. À quandu detta quissa, u patronu di casa apri pà dà ciò ch'eddu voli à a ghjenti: prima erani "fichi è noci", oghji sò dinò biscuttini, cicculati, mandarini,... è ancu soldi!
 
         À chì hà datu hè ringraziatu, à chì ùn hà datu nunda hè ghjastimatu.
Dopu, tutti s'accogliani da sparta è magnà a robba.
 
         St'usu di sicuru veni da tempi beddi landani. Stant'andria era l'apostulu
chì dumandò à Ghjesù di dà da magnà à i famiti accolti, è Cristu multiplicò tandu pani è pesci.
         A fini di nuvembri currispondi à a quaresima nanzu à Natali (listessu pà carnavali, nanzu à Pasqua) in a rilighjoni catolica. Currispondi dinò à a fini di i racolti, quandi a ghjenti alloca a robba pà l'inguernu. Si tratta di sfucà si è di sazià si, in privisioni di parechji sittimani di dieta. In certi lochi si mascareghja omu o si mustafaneghja.
         A pricantula si dici à voci nasitoghja da ùn essa cunnisciutu. In i tempi, quiddu ghjornu i povari pudiani fà a limosina senza vergogna, è l'asgiati davani una parti di a robba allucata: era l'uccasioni di mustrà aiutu è spartu.
 
         Hè sempri una festa chì raprisenta l'aiutu è u spartu...

le Lundi 4 Avril 2016 à 10:56 | Lu 1143 fois